Edifici a Telaio Leggero

Gli edifici in legno hanno avuto una notevole crescita negli ultimi anni così che il settore delle case e degli edifici ha raggiunto ormai le dimensioni di quello delle coperture formando, i due settori complessivamente, un comparto del valore di circa 1,5 miliardi di euro. La percentuale delle costruzioni residenziali a struttura integrale in legno sfiora ormai l’8 % del costruito. Tra di esse almeno la metà è realizzato con pareti costruite col sistema cosiddetto “a telaio”. Si tratta in realtà del sistema a telaio leggero, o a traliccio (rigelbau, platform frame). Un’intelaiatura di montanti e traversi in legno massiccio o KVH viene tamponata sui due lati con pannelli generalmente di OSB con interposto del materiale isolante che va a riempire i vuoti all’interno della parete. Il sistema si presta sia ad una prefabbricazione parziale (le pareti vengono completate in cantiere della stratigrafia mancante e dell’impiantistica) che ad una prefabbricazione completa (con impianti, infissi e finiture completate sui due lati).

La parete strutturale è costituita dalle intelaiature, irrigidite dai tamponamenti, che possono variare nelle sezioni dei montanti e dei traversi così da rispondere a diverse situazioni di carico in funzione dei piani dell’edificio. I solai, in appoggio sulle pareti, possono essere realizzati con lo stesso sistema a traliccio oppure con orditura tradizionale a vista in legno massiccio o più comunemente lamellare. Il sistema costruttivo è in generale più economico rispetto alle strutture massive in CLT per la minore incidenza di legno. La capacità isolante della parete finita si avvantaggia del fatto di avere del materiale isolante già all’interno della parete strutturale (il completamento degli strati interni ed esterni richiede quindi meno isolamento a parità di prestazioni richieste).

SHARE